La rassegna stampa di lunedì 29 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Fatto Quotidiano – Università, precari più del 50% dei ricercatori. Dopo il dottorato lavorano gratis per 10 mesi – Un dossier del Coordinamento nazionale dei ricercatori e ricercatrici non strutturati ha calcolato quale sia l’apporto dei ricercatori nelle università italiane. Rappresentano oltre il 50% del personale accademico e si accollano gran parte della didattica. Per le attività di ricerca, poi, sono spesso costretti a utilizzare fondi propri.
Il Messaggero – Garanzia Giovani, da domani il bonus per assumere chi non studia nè lavora – A partire dal 1° marzo, le aziende che trasformeranno in contratto a tempo indeterminato il tirocinio di un giovane neet riceveranno un contributo pari a 12 mila euro.
Il Giorno – Concorso scuola, ogni candidato dovrà versare 10 euro – Il contributo obbligatorio per le spese concorsuali porterà nelle casse dello Stato circa 4 milioni di euro.
Il Giornale – L’università censura Rocco Siffredi, niente aule per la lezione – L’Università di Firenze ha negato l’utilizzo delle aule al collettivo studentesco che aveva invitato l’ex pornodivo per un convegno sulle case chiuse. La decisione ha aperto un acceso dibattito sulla presunta “censura” dell’Ateneo toscano, reo di aver concesso i propri stabili per dibattiti con ex terroristi in altre circostanze.
Il Tempo – L’uomo torna sulla Luna con la stazione laboratorio – L’agenzia Spaziale Europea sta progettando l’installazione di un laboratorio scientifico stabile sulla superficie della Luna.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini firma il decreto: via libera all'assunzione di 215 ricercatori negli Enti pubblici

Next Article

Lo Young International Forum sbarca a Rimini 

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.