La rassegna stampa di giovedì 12 febbraio

“Missione compiuta”. La maggior parte dei quotidiani di oggi punta sul lancio della shuttle made in Torino, che ieri è partito alla volta dello spazio. “Una tappa storica per l’Agenzia Spaziale Europea” – scrive Repubblica.
Su Avvenire, invece, l’allarma della Federazione Italiana per il superamento dell’handicap: “Da marzo studenti disabili gravi rimarranno senza scuola”. Sulla stessa lunghezza d’onda, l’appello sul Corriere della sera delle famiglie di studenti ciechi contro i tagli ai fondi da parte della provincia.
Il Mattino ospita l’intervento all’Università Federico II di Napoli del premio Nobel Hooft, che ha tenuto una lezione sulla particella di Dio.
Nella rassegna di oggi, infine, anche un pezzo di Le Monde sui numeri delle borse di studio in Francia, e gli interventi dei rettori a favore degli studenti.
Leggi e scarica la rassegna di oggi rassegna stampa 12 febbraio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di Italiano, è boom di iscrizioni

Next Article

Nuovo ISEE: mozione degli studenti

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).