La rassegna stampa di giovedì 07 gennaio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Laurea, dopo tre anno lavora uno su due. Italia penultima in Europa – I dati Eurostat condannano l’Italia: solo il 53% dei laureati ha un contratto di lavoro a tre anni dal conseguimento del titolo; in Europa, la media è oltre l’80%. Peggio di noi riesce solo la Grecia.
Il Mattino – Liceo danneggiato da bomba carta, terminati i lavori – Benevento, dopo la partita di calcio per beneficenza tra i due licei della città, gli studenti della scuola perdente hanno piazzato una bomba carta davanti l’ingresso dell’istituto rivale: porte e finestre distrutte per un danno da oltre 20 mila euro.
Corriere della Sera – Ecco la proteina che toglie il freno ai tumori del cervello – Anche due scienziati italiani tra i ricercatori della Columbia University che hanno svelato il funzionamento di uno dei tumori cerebrali più diffusi al mondo, aprendo così la via a nuove cure in grado di rallentarne la crescita.
La Stampa – Addio a Pierre Boulez. Innovò la musica senza tradire la forma – Si è spento a 90 anni il compositore e direttore d’orchestra Pierre Boulez, uno dei più grandi innovatori musicali del nostro tempo.
Il Mattino – Se Twitter cambia pelle, da 140 a 10 mila caratteri – Il social network potrebbe abbandonare la caratteristica che più lo ha contraddistinto per diventare molto simile al rivale Facebook.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istat: la disoccupazione cala a novembre. Crescono, però, gli inattivi

Next Article

"Attenti al Tablet in classe: crea nuovi analfabeti"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".