La protesta di Link: “Via i giochi d’azzardo dalla Sapienza”

giochi d'azzardo università

GIOCO D’AZZARDO NELLE UNIVERSITA’. E’ arrivato nel pomeriggio il comunicato dell’associazione studentesca Link-Coordinamento Universitario, contro la manifestazione del 4 luglio prevista alla Sapienza. Ve lo proponiamo:

Nella mattinata del 4 Luglio Jobsoul, il progetto che si occupa di orientamento e placement per i neolaureati romani e al quale aderiscono ben otto atenei del Lazio (compresi i tre pubblici), ha organizzato nella facoltà di Economia della Sapienza un incontro tra i neolaureati di alcune facoltà e l’azienda Eurobet Italia S.r.l., ovvero la società leader nel settore delle scommesse e del gioco d’azzardo. Poker, casinò online, concessioni per sale giochi, scommesse di ippica: Eurobet, non solo a livello nazionale, ma anche europeo, è un colosso che fattura centinaia di milioni di euro e si colloca all’interno di quell’indotto che spesso lucra sulle debolezze altrui, sull’incapacità di quei soggetti che per disperazione o fragilità si rifugiano nei gesti compulsivi e ripetitivi che il gioco offre. Un vero e proprio esercito, quest’ultimo: solo in Italia si stimano 800.000 persone dipendenti e quasi 200.000 giocatori ritenuti a rischio, con picchi di dipendenza altissimi e sopra la media nazionale proprio nel Lazio.

Credevamo che dopo l’allarme sociale più volte lanciato da chi opera nel settore (vedi la campagna promossa da “Libera” sui costi sociali e sanitari del gioco d’azzardo o la straordinaria esperienza messa in campo con l’occupazione del Cinema Palazzo a San Lorenzo) l’indignazione per le migliaia di sale da gioco che quotidianamente aprono i battenti nella nostre città, a pochi passi dalle nostre case e dai luoghi che abitualmente frequentiamo fosse una rabbia diffusa, ma soprattutto che cominciasse ad essere condivisa anche dalle Istituzioni, per troppo tempo silenti davanti al diffondersi dell’epidemia del gioco d’azzardo.

L’iniziativa organizzata nella facoltà di Economia va in tutt’altra direzione. Siamo perfettamente consci del fatto che i saperi non siano neutri, né neutrali e riteniamo che il carattere pubblico dell’università non sia compatibile con la sponsorizzazione, la promozione e la diffusione di aziende che traggono profitto e lucrano su attività che, come riporta il sito stesso di Eurobet,“possono causare dipendenza patologica”, alimentando tutto ciò che è connesso all’aumento del fenomeno: le infiltrazioni mafiose nei giochi, la crescita del ricorso all’usura, il peggioramento delle condizioni di vita delle fasce più fragili e povere, maggiormente esposte alla seduzione di slot e lotterie, un aumento impressionante di giocatori fra i minorenni, l’incremento delle separazioni e dei divorzi e così via.

Crediamo che questa volta sia necessaria un’assunzione di responsabilità che vada oltre i soliti proclami e che sia dovere delle Università pubbliche del nostro Paese prendere una posizione netta e chiara rispetto alla piaga sociale del gioco d’azzardo. Per questo motivo chiediamo che venga immediatamente annullato l’appuntamento previsto per la giornata del 4 Luglio prossimo e che non venga più concesso ulteriore spazio ad aziende che operano in questo settore.

Gli studenti e le studentesse di Link Roma

Total
0
Shares
1 comment
  1. (Jamma) Nella mattinata del 4 Luglio Jobsoul, il progetto che si occupa di orientamento e placement per i neolaureati romani e al quale aderiscono ben otto atenei del Lazio (compresi i tre pubblici), ha organizzato nella facoltà di Economia della Sapienza un incontro tra i neolaureati di alcune facoltà e l’azienda Eurobet Italia S.r.l., società operante nel settore delle scommesse e del gioco d’azzardo.

Lascia un commento
Previous Article

Rivoluzione a Reggio Emilia, niente più code al centro per l'impiego

Next Article

"ArteperArte", ieri la presentazione del libro dell'associazione Fra Vip

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".