La Luiss dà la cattedra a Napoletano, i giornalisti del Sole 24 ore si infuriano

La Luiss Guido Carlo affida un insegnamento all’ex direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano. I giornalisti del quotidiano economico, giudicano inopportuna la decisione dell’ateneo romano e attaccano.

Sono davvero sobbalzati i giornalisti del Sole 24 ore alla notizia dell’affidamento all’ex direttore Roberto Napoletano di un insegnamento alla Luiss di Roma. Ricorderete la crisi violenta che ha investito il primo giornale economico italiano e le accuse mosse dai giornalisti del gruppo all’ex direttore Napoletano, reo, secondo il cdr, di aver contribuito all’affossamento delle testare di cui era responsabile.
Il titolo dell’insegnamento offerto a Napoletano “Le grandi crisi dell’economia contemporanea” si presta ad una facile ironia che il Cdr del Sole non si è fatto sfuggire: “Napoletano è certo persona competente in materia di crisi. Ma per fortuna, di dimensioni più ridotte, anche se noi ne paghiamo le conseguenze, non meno gravi. Ha infatti contribuito in maniera assai significativa all’affossamento dei conti del Sole 24 Ore e di tutte le testate che dirigeva. Fatti che hanno reso necessaria una ricapitalizzazione per evitare il fallimento della società”.  Così scrive in un  comunicato sindacale il Cdr e aggiunge: “Appare incredibile che Confindustria azionista di riferimento del Sole 24 Ore e promotrice della Luiss, non veda l’inopportunità di un incarico di docente a chi ha contribuito al dissesto dell’unico asset imprenditoriale proprio da Confindustria gestito”.
Il sindacato degli industriali, da parte sua, precisa che “né il direttore generale Marcella Panucci né altri esponenti di Confindustria erano a conoscenza della decisione che resta tutta e sola dell’Università”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 3 settembre

Next Article

Edilizia scolastica, Bussetti accelera. Tre miliardi su sette disponibili già nel mese di settembre

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".