La beffa: arriva la tassa per gli studenti fuorisede

studenti fuorisede

Tassa sugli affitti – Confermate all’interno della Legge di Stabilità alcune indiscrezioni già contenute all’interno del decreto sulla Service Tax: abolizione dell’Imu sulla prima casa e introduzione di una nuova tassa sugli immobili. La nuova imposta si chiamerà Trise e dovrà essere pagata sia dai proprietari che dagli affittuari.

Immediata la protesta delle associazioni studentesche: “Ad esserne maggiormente colpiti saranno infatti proprio coloro che una casa di proprietà non se la possono permettere e che vivono in affitto: i lavoratori a basso reddito, i precari, gli studenti – si legge nel comunicato diffuso da Link Coordinamento Universitario  – Ancora una volta si sceglie di colpire chi sta già pagando le conseguenze della crisi e non chi invece continua a detenere grandi patrimoni”.

Con l’introduzione del Trise, infatti, migliaia di studenti fuorisede potrebbero veder lievitare le spese per l’alloggio. Stando al testo riportato nella Legge di Stabilità, saranno i Comuni a determinare la quota imponibile ai chi non possiede l’immobile, per una cifra che può oscillare tra il 10 e il 30% dell’importo della tassa.

“Stiamo parlando di una cifra da versare in aggiunta all’affitto che dovrebbe aggirarsi in media sui 279 euro”. Calcolano i rappresentanti di Link, che proseguono: “Nella Legge di Stabilità non c’è nessun segnale di una possibile inversione della rotta: non c’è una tassazione maggiorata dello sfitto, si mantiene l’esenzione dalla tassazione per l’invenduto (un vero e proprio regalo ai palazzinari e ai costruttori), non c’è nessun accenno a un intervento del pubblico per garantire a tutti il diritto all’abitare (e a un abitare dignitoso), non c’è un piano di recupero e di riutilizzo sociale dell’immenso patrimonio pubblico e privato in dismissione o abbandonato”.

Una situazione che potrebbe portare, inoltre, all’aumento degli affitti illeciti: “Il rischio, fra le altre cose, è che di fronte alla possibilità di dover pagare una nuova tassa chi oggi è costretto a ricorrere al mercato degli affitti sarà sempre meno incentivato a denunciare situazioni di affitto in nero, in un contesto in cui nuovamente a giovarne sarà chi possiede l’immobile e riscuote l’affitto, alla faccia di tutta la retorica messa in campo in questi anni sulla lotta all’evasione fiscale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità di lavoro in Portogallo per addetti al Back Office di un Istituto finanziario

Next Article

Carriere Internazionali: alla Sapienza la prima giornata di incontri

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".