Italia-Argentina, il Ministro Bussetti a Buenos Aires. Missione per la collaborazione su Formazione e Ricerca. Oggi l’incontro con l’omologo Finocchiaro

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha iniziato ieri a Buenos Aires la sua missione in Argentina, con un incontro con l’Ambasciatore Giuseppe Manzo, i funzionari dell’Ambasciata d’Italia e i dirigenti del sistema scolastico italiano in Argentina per parlare della presenza italiana nel Paese del Sud America e della collaborazione tra i due Stati nei settori della Formazione e della Ricerca.
Quella in Argentina è la prima missione all’estero del Ministro, a dimostrazione della straordinaria importanza che il Paese sudamericano riveste per l’Italia e della solidità dei rapporti bilaterali che nel settore della cooperazione universitaria e della ricerca trovano un pilastro fondamentale, così come nella diffusione della lingua italiana, e uno straordinario veicolo di promozione della nostra cultura all’estero.
Oggi il Ministro Bussetti inaugurerà l’anno accademico alla Scuola Italiana Cristoforo Colombo di Buenos Aires. Successivamente avrà un incontro bilaterale con l’omologo argentino, Ministro Alejandro Finocchiaro.
Il Ministro Bussetti inaugurerà inoltre la Mostra fotografica dedicata a Gino Bartali, che segna la conclusione dell’anno di presidenza italiana dell’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance), organizzata dall’Ambasciata d’Italia presso il Museo dell’Olocausto.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Archivi RAI, fino al 10 marzo “La Radio per le Scuole” su Radio Techetè

Next Article

Volley Scuola, a Roma il "Via Lentini" alla prima esperienza fra schiacciate e solidarietà

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.