Institut Francais: 1.000 euro a dottorandi per organizzare giornate di studi italo-francesi

L’Ambasciata di Francia in Italia propone un bando per dottorandi delle università italiane al fine di sostenere l’organizzazione di giornate di studi italo-francesi e di favorire le relazioni tra giovani ricercatori italiani e centri di ricerca e università francesi.
Le giornate dovranno coinvolgere almeno due dottorandi/ricercatori/professori provenienti da università o centri di ricerca francesi ed essere organizzate dai dottorandi delle università italiane in coordinazione con il loro corso di dottorato e la loro struttura di riferimento. Il finanziamento dell’Ambasciata di Francia in Italia è di 1.000 euro.
Il bando è aperto a tutte le aree scientifiche e si presterà particolare attenzione ai progetti di dottorandi in co-tutela e/o che promuovono prospettive interdisciplinari e che dimostrano la capacità di mobilitare co-finanziamenti.
Il candidato deve: essere iscritto a un corso di dottorato presso un’università italiana per l’a.a. 2015/16; proporre un progetto di giornata di studi completo di titolo, argomento, programma e budget, con una lettera di presentazione del docente guida/direttore di ricerca; fornire l’approvazione scritta del coordinatore del corso di dottorato e del responsabile dalla struttura amministrativa abilitata a ricevere il finanziamento dell’Ambasciata di Francia in Italia per il progetto proposto.
La scadenza per presentare proposte è fissata al 31 maggio 2016. La giornata dovrà svolgersi tra il primo settembre 2016 e il 30 giugno 2017. Il candidato dovrà inviare all’indirizzo [email protected] un resoconto della giornata con un bilancio finanziario, specificando l’uso del finanziamento ricevuto dall’Ambasciata di Francia in Italia entro 60 giorni dallo svolgimento della giornata.
Maggiori informazioni e il modulo per presentare le proprie proposte sul sito dell’Institut Francais.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2016 ufficialmente al via: tutte le direttive e il calendario stilato dal Miur

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 22 aprile

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".