In montagna si studia per diventare esperti in digitalizzazione: il nuovo ITS in Carnia

La Carnia è una regione prevalentemente montana situata nella parte nord-occidentale della provincia di Udine. Ed è proprio in un un contesto così insolito che gli ideatori del nuovo corso Its di ‘Tecnico superiore per la digitalizzazione’ hanno voluto investire.

In montagna ci si può formare come nelle più grandi città, siamo aperti a giovani talenti che provengano da ogni dove e che poi magari decidano di rimanere a vivere e lavorare nelle terre alte del Friuli Venezia Giulia’ spiega Roberto Siagri, presidente del Carnia Industrial Park (Cip) che, con la collaborazione di Confindustria Alto Adriatico, ha attivato, a partire dall’autunno, il primo corso Its per ‘Tecnico digitale’.

La pandemia ha ormai sdoganato il concetto del trovarsi in ambienti urbani per trovare possibilità formative e lavorative, ovunque, ormai, questo è possibile. La Carnia ci prova. 

Gli Istituti Tecnici Superiori rappresentano un nuovo importante baluardo per la formazione superiore: l’80% di coloro che frequentano un ITS, poi trovano lavoro.

‘Gli ITS possono rappresentare il futuro della formazione. I dati sono sconcertanti, se equiparati al resto d’Europa. In Italia gli  ITS riescono a formare  solo 18.000 Tecnici Superiori contro i circa 380.000 della Francia e gli 890.000 della Germania. La competitività di un Paese si misura anche da questi numeri’. 


Scopri tutte le guide ai Corsi di Laurea

Grazie al contributo degli esperti di orientamento della Fondazione Italia Education, troverete informazioni pratiche ed utili per scegliere il vostro percorso di studi.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"La matematica può salvare dai terremoti?" a Parma gli studiosi si interrogano

Next Article

Vaccino. SIPPS: per una scuola davvero sicura, vaccino obbligatorio anche agli studenti

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.