Il Suor Orsola “proietta” il diritto

preside-fichera-unisob.jpg“Davanti alla legge. Immaginare il diritto”, questo il titolo della rassegna su Cinema, Letteratura e Diritto organizzata dalla facoltà di giurisprudenza dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli con il sostegno dell’Associazione Amici di Suor Orsola giunta quest’anno alla quarta edizione.
“Un’iniziativa originale – afferma Franco Fichera, preside della facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola – nata nel nostro ateneo ed ora riproposta anche in altre università che rappresenta un momento di dialogo tra studenti, docenti e rappresentanti della comunità dei giuristi.
La facoltà di giurisprudenza è caratterizzata da una dimensione tecnica rilevante (il metodo, i principi generali, i linguaggi tecnici) – spiega Fichera – e al tempo stesso il diritto è estremamente connesso alla vita in tutti i suoi ambiti. L’intento di questa iniziativa è offrire una prospettiva. Lo studente, come spettatore, riflette come da un determinato punto di vista viene posto il tema del diritto”.
Oggi, con la proiezione de “Il matrimonio di Lorna” (Belgio 2008) di Jean-Pierre e Luc Dardenne, la storia di una immigrata che si sposa con un belga per acquisire la cittadinanza, saranno affrontati i temi della legalità, dei diritti fondamentali e delle tutele in genere che a noi risultano normali e che invece molto spesso non sono garantite a tutti. Seguirà il dibattito con Gianni Canova, docente di Teoria e critica del cinema allo IULM di Milano.
Il ciclo alternerà proiezioni cinematografiche a lezioni sui classici della letteratura e avrà luogo tutti i martedì alle ore 15-30 fino al 15 Dicembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alvino: l’Università non regala nulla

Next Article

Accordo per il capitale umano

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale