Il sessismo del lessico italiano

 

Cecilia Robustelli, linguista presso l’Università degli Studi di Modena e studiosa di discriminazione linguistica di genere, “denuncia” attraverso studi e pubblicazioni il principio secondo cui l’uomo è il parametro attorno al quale ruota l’universo linguistico.

Innumerevoli gli esempi tratti dal linguaggio quotidiano, a partire dal campo delle professioni e ruoli istituzionali: «l’architetto» Gae Aulenti, «il ministro» Elsa Fornero o «il segretario della Cgil» Susanna Camusso.

La regola grammaticale prevedrebbe l’uso delle forme al femminile di «architetta», «ministra», «segretaria». Il mancato utilizzo, quindi, di ciò che la morfologia stessa  prescrive è indice che ciò ha una spiegazione non grammaticale ma socioculturale.

La prova sta nel fatto che se l’uso corrente della parola tiene alla larga termini quali, oltre i già citati, «ingegnera», «soldata», «ambasciatrice», «avvocata», «assessora» o «amministratrice», non si ha la stessa difficoltà a pronunciare «portiera», «sarta» o «infermiera». Tutto ciò nonostante la continua apertura della lingua italiana ai termini inglesi, al lessico informatico e al gergo televisivo.

Ne consegue un risultato spesso ai limiti della coerenza grammaticale in termini specialmente di concordanze: «la ministro Fornero ha annunciato», «il segretario generale Camusso è andato.» o «l’architetto Gae Aulenti è deceduta».

Se pare inevitabile l’impiego del maschile al plurale («Sofia e Antonio sono andati») non pare il caso invece di ridicolizzare con gli eccessi opposti di «dottora» o «professora» al posto delle formule già consolidate di «dottoressa» e «professoressa».

Piuttosto, sarebbe forse il caso di rafforzare l’abitudine delle strutture doppie come «lavoratrice e lavoratori sono disposti…», di «consiglieri e consigliere deliberano…» e non solo di «cari elettori e cari elettrici» pronunciate fino alla nausea in circostanze di convenienza politica

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'apprendistato bloccato nel guado della riforma

Next Article

Basterà un prelievo per sapere tutto del nascituro

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass.