Il profilo del laureato

il profilo del laureato

I laureati alle triennali hanno in media 25 anni (27 quelli delle magistrali) contro una media nazionale rispettivamente di 25,6 e di 27,7: nel 69% dei casi sono i primi laureati della famiglia. Inoltre, l’87% di loro si dichiara soddisfatto dell’Alma Mater. E’ quanto emerge, in sintesi, dal XV Profilo dei laureati di Almalaurea. Nel 2012, sono stati complessivamente 15.353 i giovani usciti dall’Universita’ bolognese. L’indagine ha riguardato 8.188 laureati di primo livello, 4.989 laureati nei percorsi magistrali e 1.651 laureati magistrali a ciclo unico.

Dal rapporto Almalaurea, per i laureati di primo livello emerge inoltre che la regolarita’ negli studi e’ elevata: il 51% conquista il titolo in corso e il 22% si laurea al primo anno fuori corso. Hanno svolto tirocini e stage all’estero il 57%, percentuale di poco inferiore alla media nazionale (60%), ma l’esperienza di studio all’estero coinvolge il 15% dei laureati di primo livello (il 10% con Erasmus); mentre la media nazionale e’ del 10%. L’87% dei laureati dell’Alma Mater (contro l’86% della media nazionale), si dichiara complessivamente soddisfatto della propria esperienza formativa. Alla domanda se si iscriverebbero di nuovo all’Universita’ ed allo stesso corso dell’Ateneo rispondono “si'” il 69% dei laureati, un valore superiore alla media nazionale (66%). E dopo la laurea? Il 74% dei laureati intende proseguire gli studi.

L’analisi sui laureati magistrali 2012 mette in evidenza che si tratta di giovani che hanno concluso i loro studi in corso nel 60% dei casi – e altri 26 su cento terminano gli studi con un anno di ritardo – contro il 48% del complesso dei laureati magistrali. L’esperienza di stage riguarda 53 laureati magistrali su cento; a livello nazionale e’ il 56%.

Il 22% compie esperienze di studio all’estero (il l’11% con Erasmus); una quota superiore alla media nazionale (15%). L’esperienza universitaria compiuta con la laurea magistrale risulta ampiamente apprezzata (sono decisamente soddisfatti 35 laureati su cento, altri 52 esprimono comunque una valutazione positiva). Tanto che 72 laureati su cento la ripeterebbero.

Al termine degli studi magistrali la quota di chi intende proseguire la formazione e’ del 38%. Per quanto riguarda infine i laureati magistrali a ciclo unico (es. Medicina e Giurisprudenza) sono piu’ regolari del complesso dei laureati magistrali a ciclo unico: il 41% si laurea in corso contro il 34% nazionale. Il 44% fa esperienza di stage; a livello nazionale e’ il 41%. Il 22% compie esperienze di studio all’estero (il 13% con Erasmus); la media nazionale e’ del 17%. 74 laureati su cento ripeterebbero l’esperienza all’Alma Mater e il 60% di chi ha terminato un ciclo di studi a ciclo unico dichiara di voler proseguire la formazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bocciato per la seconda volta: si uccide col gas

Next Article

Torino, la battaglia di Link: "Mai più senza borse di studio"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.