Il 2 agosto assemblea studentesca internazionale a Riot Village

Il 2 agosto a Santa Cesarea Terme (LE), nell’ambito di Riot Village – il campeggio studentesco, si terrà “Connect knowledge / change Europe”, un’assemblea studentesca internazionale, che vedrà coinvolti studenti da otto Paesi europei in una giornata di gruppi di lavoro, assemblee e dibattiti sulle trasformazioni del mondo della scuola e dell’università nell’ambito europeo. L’iniziativa è organizzata dalla Rete della Conoscenza in collaborazione con European Alternatives e l’FLC – CGIL. Qui il sito dell’iniziativa.
“Si tratta di un’occasione per indagare a fondo le radici del progetto europeo – dichiara al Corriere dell’Università Riccardo Laterza, Portavoce Nazionale della Rete della Conoscenza – e per smascherare alcune illusioni che stanno alla sua base. Una di queste è sicuramente quella dell’economia della conoscenza, che avrebbe dovuto migliorare le vite delle centinaia di milioni di abitanti del nostro Continente e che invece oggi è il principale vettore di precarizzazione del mercato del lavoro, di dequalificazione dei percorsi formativi e di asservimento degli stessi agli interessi privati di breve termine. Vogliamo provare a costruire una visione comune su questi processi perché è un passo necessario per sottoporli a critica e immaginare un’alternativa all’esistente”.
Le mobilitazioni contro il ddl sulla scuola del Governo Renzi – aggiunge Danilo Lampis, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Studenti – si inseriscono in un ambito più ampio di critica alla privatizzazione della conoscenza: rendere l’istruzione gratuita, d’altronde, sarebbe la misura più efficace per abbattere i tassi di dispersione scolastica, come richiesto anche da un’Europa che però dall’altro lato spinge per l’aziendalizzazione della formazione”.
Negli ultimi mesi in giro per l’Europa e non solo sono sorte diverse esperienze interessanti di mobilitazione nel mondo universitario – nota Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di Link-Coordinamento Universitario – che indicano una direzione chiara, a partire dalla richiesta di un diritto allo studio più forte, di una vera democratizzazione dei luoghi di formazione, di una critica radicale ai modelli di didattica e valutazione. Sono questioni che interessano tutti gli studenti d’Europa e sulle quali la nostra ambizione è di poter costruire una risposta collettiva”.
L’appuntamento internazionale “Connect knowledge / change Europe” – concludono gli studenti nella nota – è solo la prima tappa di un percorso di connessione delle lotte a livello europeo, per ricostruire il valore sociale della conoscenza e immaginare e praticare un altro modello di formazione per un’Europa più giusta e libera”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La ricerca: "Abbandonare gli studi toglie 10 anni di vita"

Next Article

Mattarella firma la Buona Scuola. Gli studenti protestano: "Vergogna"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.