Hermes: la rete per prevenire discriminazioni di genere

A Napoli la prima Conferenza Internazionale “Hermes: Linking Network to Fight Sexual and Gender Stigma.

Domani, 7 ottobre 2011 a partire dalle ore 9.00, si terrà la prima Conferenza Internazionale “Hermes: Linking Network to Fight Sexual and Gender Stigma. Verso la costruzione di una rete per prevenire e contrastare le discriminazioni nei riguardi del genere e dell’orientamento sessuale” .

L’evento, presso l’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, rappresenta il primo momento di presentazione di un progetto promosso dal Dipartimento di Teorie e Metodi delle Scienze Umane e Sociali (TEOMESUS), co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Daphne III Programme che ha l’obiettivo principale di organizzare programmi di prevenzione e contrasto dello stigma di genere e della violenza rivolta alle donne e alla popolazione GLBTQI (Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, Questioning, Intersexed).

Il Progetto Hermes, il cui nome si ispira al latino Mercurio, messaggero degli dèi, intende promuovere la costituzione di una rete che possa lavorare in un ottica di prevenzione delle gravi discriminazioni e stigmatizzazioni che la società post-moderna attua – e, paradossalmente, in certi casi legittima – nei confronti dell’orientamento sessuale e del genere.

L’evento è promosso ed organizzato dal Dipartimento TEOMESUS della Federico II di Napoli che, da anni ormai, si sta occupando – grazie soprattutto al Dottorato di Ricerca in Studi di Genere coordinato dalla prof.ssa Adele Nunziante Cesàro, al Dottorato di Ricerca in Scienze Psicologiche e Pedagogiche, alla creazione della piattaforma www.bullismoomofobico.it e, inoltre, alla continua collaborazione con l’Unità di Psicologia Clinica e Psicoanalisi Applicata, del Dipartimento di Neuroscienze e Scienze del Comportamento della Federico II di Napoli, diretta dal prof. Paolo Valerio e con il Centro di Ateneo Sinapsi – di promuovere una cultura della prevenzione delle varie forme che la discriminazione sessuale e di genere assume nella nostra società. Il progetto, che prevede un partenariato internazionale, coinvolge la University College of Dublin e la Universidad Complutense de Madrid, nonché le associazioni che da anni ed in modi differenti si occupano delle stesse tematiche: Arcigay Napoli Antinoo, Le Kassandre ed Agedo Palermo.

Porteranno i loro saluti il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II Massimo Marrelli, il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Campania Raffaele Felaco, l’Assessore per le Pari Opportunità del Comune di Napoli Giuseppina Tommasielli,l’Assessore all’Istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri, la Responsabile Area Nuovi Diritti CGIL Nazionale Maria Gigliola Toniollo.

Per maggiori informazioni consultare www.teomesus.unina.it oppure scrivere a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, nasce l'osservatorio del lavoro

Next Article

Ladri in Accademia, la risposta della direzione

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.