Ha 15mila anni l’orso bruno ritrovato in una cavità di Udine

Un orso bruno di 10 mila anni. Arriva dal Fiuli Venezia Giulia la notizia della scoperta sensazionale di resti fossili appartenenti ad un giovane cucciolo di Ursus Arctos, più comunemente conosciuto come orso bruno.

I resti potrebbero essere datati 10-15 mila anni, conferma Gernot Rabeder, docente presso l’università di Vienna e sono stati ritrovati all’intero di una cavità chiamata “Grotta degli Sprovveduti” nei pressi del Monte Cavallo, nel comune di Pontebba (Udine).

Il 12 agosto scorso, proprio durante una spedizione, i due speleologi Andrea Vazzaz e Paolo Burelli  si sono imbattuti in numerosi frammenti ossei, tra cui uno appartenente ad un arto, alcuni alla zampa inferiore ed un canino di notevoli dimensioni. Il cucciolo avrebbe trovato la morte proprio in quella grotta, quando, a causa di un’inondazione, la madre uscita in cerca di cibo non ha avuto più la possibilità di rientrare, lasciandolo solo al freddo della glaciazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nokia inventa il primo Facebook - phone

Next Article

Modà: gioia tour 2013. Si parte da Roma

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"