Grafico web e multimediale per la progettazione

Fluilink s.r.l è alla ricerca di uno stagista da far maturare nel campo della progettazione grafica web e multimediale.

Fluilink s.r.l. è una società certificata UNI EN ISO9001-2000 per lo sviluppo di applicazioni software gestionali, web e multimediali.
Il core business aziendali è rappresentato dallo sviluppo di soluzioni web e multimediali come ad esempio siti internet, portali web, applicazioni per palmari, corsi di formazione online.
Fluilink s.r.l. gode inoltre di un know specifico per quanto concerne lo sviluppo di software finanziario, come ad esempio finanziamenti, leasing, noleggio a lungo termine, cessione del quinto.Fluilink s.r.l. ha inoltre creato Ggoal – il primo motore di ricerca interamente Web 2.0 al mondo.
Attualmente  è alla ricerca di uno stagista da far maturare nel campo della progettazione grafica web e multimediale.  Si richiede conoscenza di Flash, Photoshop e Illustrator.
Costituisce titolo preferenziale la conoscenza dell’HTML e di almeno un linguaggio di programmazione.
Invio curriculum vitae: [email protected] Rif: grafico web e multimediale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Responsabile Marketing/Redazione

Next Article

Addetto Formazione e Comunicazione

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.