"Governance: riforma imminente"

ingranaggiorologio.jpgIl ministro di Istruzione, Università e Ricerca Mariastella Gelmini lo ha ribadito anche lunedì scorso a Genova, in occasione della firma del protocollo d’intesa tra istituzioni e Gruppo Ericsson per la realizzazione di un Centro Ricerca & Sviluppo nell’area degli Erzelli: “La riforma della governance delle università è imminente”. Il provvedimento legislativo, la cui presentazione era prevista prima di Pasqua, è slittato in calendario di qualche settimana a causa della situazione di eccezionale gravità verificatasi in seguito al terremoto in Abruzzo, evento che ha colpito duramente il territorio aquilano facendo crollare o rendendo inagibili buona parte degli edifici-chiave, tra cui molte strutture dell’Università dell’Aquila.
Entro la fine d’aprile, dunque, dovrebbe approdare in Parlamento il testo di un disegno di legge sulla riforma del reclutamento e della governance, come ha dichiarato il ministro Gelmini: «Riteniamo ci siano margini per recuperare efficienza, per una migliore gestione delle risorse pubbliche ma anche superare quell’assemblearismo che all’interno degli organi accademici ha creato a volte più difficoltà che vantaggi. A breve presenteremo un disegno di legge che è stato discusso a lungo con il mondo dell’Università. Mi pare che ci sia da parte di molti, non dico di tutti, ma della stragrande maggioranza del mondo accademico, la consapevolezza che qualche cambiamento non è più rinviabile».
Imminente – e non ulteriormente procrastinabile – anche il provvedimento sull’Agenzia di Valutazione delle Attività di Ricerca: «L’Agenzia di Valutazione era già un progetto del ministro Moratti, ancora due governi fa fu realizzata l’esperienza del Civr e del Cnvsu, Mussi li aveva accorpati in un’unica Agenzia: noi abbiamo lavorato ed emendato molto quel regolamento perché riteniamo che l’agenzia non debba valutare i processi ma gli obiettivi, i risultati, a breve presenteremo anche questo regolamento».
Il ministro ha inoltre ricordato l’importanza di arrivare a un superamento della «frammentazione in materia di ricerca». «Bisogna definire priorità condivise – ha detto – che ci permettano di fare dei passi in avanti». Secondo la Gelmini occorre, dunque, creare un rapporto più forte tra università e territorio, tra sistema ricerca e imprese «senza invocare la privatizzazione che non è obiettivo del governo ed è fuori luogo».

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mostra-omaggio a Renato Barisani

Next Article

15 consulenti assicurativi a Roma

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"