Gli studenti contro il Jobs Act: “Aumenta la precarietà dei giovani”

bd36a1a7f052816442ac5ecfab6db744 (1)

“Il Governo ha approvato ieri sera il Jobs Act, una riforma che invece di sostenere i giovani nel loro percorso lavorativo non fa altro che precarizzare ulteriormente il lavoro” – commentano in una nota inviata alla Redazione de Il Corriere dell’Università le associazioni UDU e Rete Studenti Medi.

“Il Governo Renzi ha promesso una riforma che garantisse diritti a chi oggi non ne ha, ma in realtà il contenuto del Jobs Act, dai voucher alla mancanza di ammortizzatori universali, aumenterà la precarietà senza garantire nessuna tutela a chi entrerà nel mercato del lavoro. Una riforma portata avanti a colpi di fiducia e deleghe, senza ascoltare i giovani e rifiutando il confronto ” – dichiara Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale dell’ Unione degli Universitari.

Continua Alberto Irone, Portavoce della Rete degli Studenti Medi: “La condizione sociale dei giovani non può essere usata come uno slogan mediatico dal Premier,  bisogna dare risposte vere ad una generazione che vive l’incubo della precarietà e dell’assenza di futuro. Una generazione che si mobiliterà a partire dal 10 Ottobre per dire che è la Grande Bellezza di questo Paese e che ha fame di diritti e cambiamento”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Presentata a Roma la VI edizione dello Young International Forum: "E' arrivato il momento di sbloccare i giovani"

Next Article

“Meno burocrazia e più formazione sul campo”, allo Yif nasce un nuovo modello di scuola

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".