Giovani e legalità

Mercoledì 20 aprile alle ore 08.45 l’associazione UNINA darà il via all’incontro dibattito “Pane, CAMORRA e Fantasia”, un’occasione di discussione sui temi della legalità, della costituzione e dell’etica

Mercoledì 20 aprile alle ore 08.45 l’associazione studentesca UNINA darà il via all’incontro dibattito “Pane, CAMORRA e Fantasia”, un’occasione di discussione sui temi della legalità, della costituzione e dell’etica ad opera di autorevoli personaggi del panorama nazionale.

Alberto Lucarelli, docente di Diritto Pubblico presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II presiederà l’incontro a cui parteciperà Salvatore Borsellino, fratello minore del magistrato Paolo, che dopo la strage di via d’Amelio si è dedicato alla sensibilizzazione dei temi succitati e alla lotta alla mafia.
Emanuele Lattanzio, membro dell’Associazione UNINA e Consigliere di Ateneo ha dichiarato: “L’idea di questo incontro è nata nella nostra associazione poiché abbiamo compreso che la sensibilizzazione dei giovani su argomenti così delicati è fondamentale affinchè determinate stragi non si compiano mai più”.

Durante la mattinata interverranno: Guido Trombetti, Assessore Università della Regione Campania; Massimo Marrelli, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; Achille Basile, Preside della Facoltà di economia e Luigi Maria Sicca, docente di Organizzazione aziendale.

Per scaricare la locandina clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Conoscere l'impresa

Next Article

La rivista di estetica a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"