Giotto a Romaoggi l’inaugurazione

giotto.jpgDopo tante esposizioni in varie città d’Italia che hanno celebrato il genio del grande maestro del tre/quattrocento italiano, Giotto giunge finalmente nella capitale dove è stata allestita un’esposizione che intende ripercorrere con strumenti di critica decisamente moderni l’intero percorso figurativo dell’artista.
La mostra, in allestimento da domani, 6 marzo, presenta una ricostruzione analitica della situazione artistica italiana tra l’ultimo decennio del XIII secolo e la prima metà del XIV secolo, prendendo come punto di partenza gli spostamenti di Giotto lungo la Penisola. Un percorso che intende, quindi, attraversare non solo l’opera giottesca, ma anche indagare un quadro più ampio ovvero l’evoluzione del panorama artistico tra trecento e quattrocento.
Giotto si può considerare un artista iniziatore di un certo tipo di arte ma soprattutto come un anticipatore dei valori formali che verranno in uso nel Rinascimento; ebbe vastissima fama sia tra i contemporanei che tra i successori. La mostra ripercorre i pià importanti percorsi artistici giotteschi e mette in evidenza la svolta impressa dalla sua pittura.
Presenti all’esposizione anche altri capolavori di grandi maestri come Cimabue, Simone Martini, Pietro Lorenzetti, gli scultori Arnolfo di Cambio, Tino di Camaino, Giovanni Pisano, Giovanni di Balduccio, orafi, miniatori e il Maestro del Codice di San Giorgio, uno dei più raffinati e colti interpreti della lezione giottesca.
L’esposizione “Giotto e il Trecento “Il più sovrano Maestro stato in dipintura” resterà allestita al Complesso del Vittoriano di Roma fino al 29 giugno 2009.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Medici in cerca di Specializzazione

Next Article

Tirocini al parco nel casertano

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".