Giornata mondiale del suolo – 5 dicembre 2019

Anche quest’anno si celebra la Giornata mondiale che vuole focalizzare l’attenzione sull’importanza di una risorsa, come quella del suolo, ‘non rinnovabile’
Il 5 dicembre 2013, nel quadro del Global Soil Partnership, con il supporto unanime dei membri della Food Agricultural Organization, e con l’appoggio della Nazioni Unite, è stato riconosciuto per la prima volta il World Soil Day. Dal 2014, la Giornata mondiale del suolo si tiene ogni anno il 5 dicembre come mezzo per focalizzare l’attenzione sull’importanza di un suolo sano e di promuovere una sua gestione sostenibile.
Infatti, come riportato anche nel recente Final Report dell’High Level Panel of the European Decarbonisation Pathways Initiative, pubblicato dalla Commissione Europea a fine 2018, il suolo è una risorsa “non rinnovabile”, che ha molte funzioni fondamentali per il mantenimento della vita sulla terra.
Tutto ciò premesso, in vista della giornata del 5 dicembre, si invitano le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, nell’ambito della propria autonomia didattica e organizzativa, a effettuare un approfondimento sul tema, anche consultando i link allegati alla presente nota o accedendo agli approfondimenti sul portale del Ministero. Nella giornata del 5 dicembre, dalle ore 12.00 alle ore 12.30, accedendo tramite il profilo @MiurSocial, le Istituzioni scolastiche potranno altresì visionare la sezione dedicata alle scuole nel Convegno SOS Suolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri in cui si terrà anche l’intervento del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, on. Lorenzo Fioramonti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Accordo fra le università di Bicocca e Tong di Shanghai: studi e ricerche congiunti

Next Article

Sport, MIUR E FIGC scendono in campo insieme

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.