Giornalisti contro la camorra

Il 29 giugno alle ore 10.00 presso l’aula Pessina della sede centrale federiciana in Corso Umberto: giornalisti contro la camorra

Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene“. Questa l’esortazione di Paolo Borsellino ai mezzi di stampa che oggi accolgono l’appello in occasione del premio “Giornalisti contro la camorra”.

Il premio ha come obiettivo la volontà di evidenziare il lavoro di pochi, che dietro le loro scrivanie, compiono ogni giorno un gesto di straordinaria umanità che permette alle nostre coscienze di riscattarsi. Giunto alla seconda edizione, è organizzato dall’Associazione Modavi Federazione Provinciale di Napoli Onlus insieme con “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie“, l’Ordine dei Giornalisti della Campania in collaborazione con la Fondazione POLIS ed il Centro di Documentazione Regionale contro la camorra, sotto il patrocinio dell’ Università Federico II di Napoli .

Saranno diciannove i redattori delle principali testate giornalistiche della Campania ad esser premiati per il loro impegno anticamorra. L’appuntamento è previsto per mercoledì 29 giugno alle ore 10.00 presso l’aula Pessina della sede centrale federiciana in Corso Umberto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Liberalismo al SEA, ultimo appuntamento

Next Article

Economia sociale e carrotmob. Make a change

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.