Giappone: borse di studio per tirocini, Bando Vulcanus

Sono disponibili borse di studio per tirocini in Giappone messe a disposizione dal bando Vulcanus 2021 / 2022.

Sono disponibili borse di studio per tirocini in Giappone messe a disposizione dal bando Vulcanus 2021 / 2022. Previsti finanziamenti per stage da oltre 12mila Euro. E’ possibile presentare la candidatura dal 10 Gennaio al 10 Febbraio 2021. Ecco tutti i dettagli e come partecipare.

BORSE DI STUDIO GIAPPONE – IL PROGETTO

Nato nel 1997, Vulcanus in Giappone è un progetto rivolto agli studenti dell’Unione Europea ed offre la possibilità di effettuare un percorso di formazione e lavoro presso un’industria giapponese.

Il programma è sovvenzionato dal Centro UE – Giappone per la Cooperazione Industriale (joint venture cofinanziata dalla Commissione europea e dal Ministero giapponese dell’Economia, del Commercio e dell’Industria) e dalle società ospiti giapponesi.

STAGE IN GIAPPONE

Anche per il 2021 2022 è possibile partecipare al bando Vulcanus per l’assegnazione di borse di studio per tirocini in Giappone. Il programma prevede l’attivazione di stage retribuiti della durata di un anno, da settembre 2021 ad agosto 2022, che si svolgeranno interamente nello Stato nipponico e comprenderanno le seguenti attività:
– un seminario sul Giappone;
– un corso intensivo di lingua giapponese di quattro mesi;
– uno tirocinio di otto mesi presso un’industria giapponese.

REQUISITI

Possono partecipare al programma di formazione e lavoro in Giappone i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza dell’UE/COSME;
  • essere studenti presso università ubicate entro i confini dell’Unione Europea iscritti a facoltà tecniche o scientifiche, quali Ingegneria, Informatica, Chimica, Biotecnologia, Fisica, Matematica e simili;
  • essere iscritti almeno al 4° anno, al momento dell’invio della candidatura;
  • conoscenza della lingua inglese;
  • essere iscritti all’università almeno fino al giugno che segue la presentazione della candidatura;
  • disponibilità a trascorrere un periodo di un anno all’estero.

CONTRIBUTI ECONOMICI

Le borse di studio Vulcanus previste dal bando per studenti universitari avranno un importo pari a 1.900.000 yen, circa 12.871 Euro, e serviranno per coprire le spese di viaggio di andata e ritorno, l’assicurazione e le spese primarie di soggiorno in Giappone. Gli stagisti potranno, inoltre, usufruire di un alloggio messo a disposizione dall’azienda ospitante, per l’intera durata del percorso formativo.

ITER DI SELEZIONE

I tirocinanti saranno selezionati sulla base della valutazione del curriculum accademico ed al parere dei loro professori. Saranno considerati, inoltre, il livello di conoscenza dell’Inglese sia scritto che parlato, la motivazione, l’interesse per le relazioni tra l’UE e il Giappone e la capacità di adattamento dei candidati.

COME CANDIDARSI

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente mediante procedura telematica. Si precisa, inoltre, che è possibile presentare domanda di ammissione dal 10 gennaio al 10 febbraio 2021.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Antonella Polimeni, chi è la prima rettrice donna nella storia dell’Università La Sapienza

Next Article

Clima, un "Trattato" preparato dai giovani per big del mondo

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.