Germania, il boom delle matricole

germania.gifAvere un numero insufficiente di iscritti può portare un ateneo a chiudere i battenti: la spesa non vale l’impresa e, prima o poi, i nodi vengono al pettine. Ma, paradossalmente, un aumento vertiginoso delle iscrizioni può avere un effetto analogo. Un dato mette in allarme i rettori delle università tedesche: per l’anno accademico 2008/2009 oltre 380mila studenti si sono iscritti alle diverse facoltà degli atenei della Germania e questo farà lievitare i costi di gestione della macchina-università. Dunque i Magnifici teutonici – preoccupati per la situazione finanziaria – hanno scritto al governo chiedendo ulteriori fondi.

Dati & richieste.
Lo scorso settembre, oltre 380mila studenti si sono iscritti alle diverse facoltà delle università tedesche, il 6,7% in più rispetto all’anno scorso. Secondo le previsioni del ministero dell’Istruzione, questo livello è destinato a raggiungere nei prossimi tre anni le 500mila unità. Per far fronte al boom, i rettori degli atenei hanno chiesto al governo un aumento dei sostegni economici di tre miliardi di euro all’anno rispetto ai previsti 565 milioni.
Risorse da incrementare. «La politica ha finora sottostimato gli investimenti necessari», ha commentato in una conferenza stampa la presidentessa dei rettori, Margret Wintermantel.
Perché tanti iscritti? Secondo un istituto di statistica di Wiesbaden (Sud), l’aumento degli iscritti è legato a particolari misure decise per favorire l’istruzione, come l’abolizione delle tasse universitarie nell’Assia (Centro). L’ufficio federale, invece, attribuisce questo fenomeno alla «difficile situazione del mercato del lavoro».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La ricerca ammutolita

Next Article

Nei centri benessere delle navi da crociera

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.