G20 Argentina 2018: l'istruzione al centro dell'agenda globale

I rappresentanti del ministeri dell’Istruzione dei paesi aderenti al G20 si sono riuniti ieri, 5 settembre a Mendoza, nell’ovest dell’Argentina, per discutere le basi dei futuri sistemi di istruzione. È il primo incontro di questo tipo nella storia del G20.
Presieduto dal Ministro per l’Istruzione argentino Alejandro Finocchiaro, alla riunione partecipano oltre 30 leader di delegazioni tra cui Themis Christophidou, Direttore generale dell’Istruzione, della gioventù, dello sport e della cultura dell’Unione europea; Yoshimasa Hayashi, ministro giapponese dell’Istruzione, della cultura, dello sport, della scienza e della tecnologia; Betsy Devos, Segretario all’Istruzione degli Stati Uniti; e Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO.
“Senza istruzione, le abilità umane non possono essere sviluppate. Le persone non possono svilupparsi. E senza lo sviluppo umano, non sarà possibile raggiungere uno sviluppo sostenibile in tutto il mondo “, ha dichiarato il ministro Finocchiaro durante l’apertura della riunione.
L’agenda della riunione mira a identificare le sfide e le opportunità della globalizzazione, della digitalizzazione e della diversità sociale per definire le competenze necessarie nel nostro futuro sul posto di lavoro e nella società. I funzionari mirano a creare politiche innovative e inclusive che preparino i bambini, i giovani e gli adulti a partecipare pienamente al nostro futuro in continua evoluzione.
All’ordine del giorno c’è anche un dibattito sulle politiche internazionali per il finanziamento dell’istruzione. L’obiettivo è raggiungere un consenso su come gestire correttamente i meccanismi di finanziamento internazionali.
Fattore chiave per uno sviluppo equo e sostenibile è sicuramente la necessità di collocare l’istruzione “al centro dell’agenda globale”. Concordato da tutti i paesi membri del G20, il documento redatto al termine delle negoziazioni sottolinea “il potere trasformativo e la natura trasversale dell’istruzione”, uno strumento essenziale per affrontare le sfide globali e contribuire al perseguimento del dialogo, del consenso, della cooperazione e della collaborazione.
I ministri dell’istruzione ritengono che l’istruzione ponga le basi per lo sviluppo personale, in quanto “fornisce ai bambini, ai giovani e agli adulti le conoscenze, le capacità, i valori e gli atteggiamenti necessari per raggiungere il loro pieno potenziale”. Inoltre contribuisce a ridurre la povertà e promuovere la cittadinanza attiva, contribuire alla pace, all’inclusione e alla prosperità.
I rappresentanti dei paesi membri del G20 e dei paesi ospiti hanno ancora una volta ribadito il loro impegno nei confronti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, in particolare per l’Obiettivo 4, “per garantire un’istruzione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti”.
Per quanto riguarda il futuro del lavoro, una delle priorità definite dalla presidenza argentina del G20, la dichiarazione chiede di promuovere “percorsi multipli e flessibili per l’istruzione e la formazione permanente che migliorino il collegamento e la transizione tra tutti i livelli educativi” e per l’adozione di programmi di studio che sono altamente sensibili alle pratiche basate sull’evidenza e alle tendenze occupazionali future. In questo contesto, è importante che “l’istruzione tenga il passo con innovazioni sociali e tecnologiche come l’intelligenza artificiale, i big data ed internet”.
Il documento riconosce che le politiche di attuazione richiedono finanziamenti adeguati. I ministri riconoscono che “sono richiesti” livelli adeguati di investimenti nazionali e internazionali nell’istruzione per conseguire un’istruzione inclusiva, equa e di qualità, nonché opportunità di apprendimento permanente per tutti”.
Infine, i paesi impegnati a “rafforzare la cooperazione internazionale e affrontare insieme le sfide comuni imparando dalle rispettive esperienze, condividendo le conoscenze e le migliori pratiche e sviluppando iniziative congiunte a livello bilaterale, regionale e multilaterale”.

In allegato il documento finale G20 Education Ministers’ Declaration 2018

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

G20 Argentina, Fioramonti: “Confronto importante sulla formazione continua, cruciale per governare il cambiamento”

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 6 settembre

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.