Fumare è dannoso, in auto è ancora peggio

Fumare fa male e questo lo sappiamo tutti. Quello che invece ci sfuggiva e che oggi è invece è una certezza è che fumare in auto è ancora più dannoso per l’organismo. La scoperta arriva da alcuni ricercatori scozzesi dell’Università di Aberdeen, autori di un interessante studio pubblicato su Tobacco Control attraverso il quale è stato dimostrato l’incremento del livello di polveri sottili che si verifica all’interno di una macchina se si fuma.

Fumare fa male e questo lo sappiamo tutti. Quello che invece ci sfuggiva e che oggi è invece è una certezza è che fumare in auto è ancora più dannoso per l’organismo. La scoperta arriva da alcuni ricercatori scozzesi dell’Università di Aberdeen, autori di un interessante studio pubblicato su Tobacco Control attraverso il quale è stato dimostrato l’incremento del livello di polveri sottili che si verifica all’interno di una macchina se si fuma.

Lo studio ha coinvolto 17 guidatori, di cui 14 fumatori, per un totale di ben 104 viaggi in auto di durata variabile da 5 a 70 minuti. Grazie un congegno apposito, i ricercatori hanno misurato una volta al minuto il livello delle concentrazioni di particolato sottile nella parte posteriore dell’auto, precisamente all’altezza della testa di un bambino. Il risultato è tutt’altro che incoraggiante. Da una media di 7,4 microgrammi di polveri per metro cubo d’aria nei viaggi in cui non veniva accesa nessuna sigaretta si è passati a 85 microgrammi per metro cubo nei viaggi con sigaretta annessa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stasera l'Italia dovrà fare a meno di Buffon

Next Article

Accordo ingegneria-Eni, contratto da 500 milioni

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.