Formez PA concorsi 2019: bandi e come partecipare

Il noto ente pubblico, che svolge attività di accompagnamento, formazione e assistenza tecnica per innovare e modernizzare la Pubblica Amministrazione italiana, seleziona periodicamente personale per assunzioni. In questo periodo ha pubblicato nuovi bandi per la copertura di posti di lavoro in Molise.
Le posizioni aperte vengono pubblicate attraverso la sezione riservata alle carriere del portale web dell’ente.
Data la natura pubblica dell’associazione, per selezionare il personale da assumere si serve, per lo più, di concorsi pubblici. Oltre che mediante i bandi Formez PA, il conferimento di incarichi professionali viene effettuato anche attraverso un’apposita banca dati predisposta dall’ente, nella quale è possibile, in qualsiasi momento, registrare il curriculum vitae per inviare un’autocandidatura.
I concorsi attivi in questo periodo per lavorare in Formez PA sono finalizzati al reclutamento delle seguenti figure:

  • n. 4 laureati (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0304/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.
  • n. 6 laureati (specialistica) – con esperienza da 1 a 3 anni (Rif. 0305/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 16.800 Euro.
  • n. 3 laureati (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0306/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.
  • n. 6 laureati (specialistica) – con esperienza da 1 a 3 anni (Rif. 0307/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 16.800 Euro.
  • n. 1 laureato (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0308/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.
  • n. 1 laureato (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0309/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.
  • n. 2 laureati (triennale) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0324/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 34.560 Euro.
  • n. 1 laureato (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0325/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.
  • n. 1 laureato (specialistica) – con esperienza da 5 a 10 anni (Rif. 0326/2018).
    Sede di lavoro: Campobasso.
    Durata incarico: 10 mesi.
    Stipendio: 23.040 Euro.

Per tutte le posizioni aperte le candidature devono essere inviate entro il 14 gennaio.
Le domande di partecipazione devono essere inviate esclusivamente online, attraverso l’apposita procedura telematica accessibile dalla pagina dedicata a ciascun concorso Formez PA, utilizzando il form presente al termine del bando, entro i termini di scadenza previsti.
Per ulteriori informazioni sulle selezioni in corso vi invitiamo a leggere attentamente i bandi relativi ai concorsi Formez PA.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Carrù come Hogwarts: studenti a scuola di... quidditch

Next Article

Alzheimer, l'irpina Di Donato vola negli Usa per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.