Fixo: 49 tirocinanti

Il Comune di Napoli prosegue con la terza edizione dell’ex progetto FIXO avviato nel 2009 e che per il nuovo anno è stato presentato presso Palazzo San Giacomo da Mario Raffa. Accoglierà 49 giovani tirocinanti partenopei.

Il Comune di Napoli prosegue con la terza edizione dell’ex FIXO oggi Progetto Tirocini Formativi per l’Occupazione avviato nel 2009 e che per il nuovo anno è stato presentato presso Palazzo San Giacomo alla presenza del Sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino e l’assessore allo Sviluppo Mario Raffa.

Dopo le precedenti edizioni, quest’anno sono 49 i giovani partenopei che avranno la possibilità di svolgere un tirocinio formativo retribuito (400 euro lordi mensili) della durata di cinque mesi lavorando negli uffici, nei servizi e nelle Municipalità del Comune. Nelle prime due edizioni sono stati riscontrati numeri importanti: ad esempio sono stati più di 100 i tirocinanti ammessi al progetto e ben 40 sono stati successivamente assunti presso aziende private. I giovani saranno selezionati dai centri di orientamento degli atenei locali, come di consueto Federico II, L’Orientale e Suor Orsola Benincasa ma da quest’anno anche la Seconda Università ha aderito all’iniziativa.

Come è già avvenuto, al termine del percorso, tutte le competenze apprese dai tirocinanti saranno presentate alle aziende private locali e nazionali durante il Career day che si svolgerà nel marzo 2011.

Per tutte le informazioni, consultare il sito del comune.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, "è l'anno dell'alternativa"

Next Article

Master in management dei processi formativi

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".