Firenze, lezioni di multimedialità

lavagnainterattiva.jpgLe lavagne multimediali interattive – già utilizzate nei musei, nelle aree espositive, nei luoghi di divertimento – entrano adesso anche nelle scuole italiane.
All’Università di Firenze è possibile seguire il primo progetto formativo a livello nazionale sull’uso delle superfici interattive nella scuola. Si tratta del corso di perfezionamento «Comunicare e insegnare in classe con la Lavagna interattiva multimediale (LIM)» al quale è possibile partecipare presentando la domanda di iscrizione entro sabato 31 gennaio 2009.
Il corso – attivato nel 2005 dal Communication Strategies Lab dell’ateneo fiorentino – intende preparare gli insegnanti, gli operatori e formatori del settore educativo e in generale gli addetti alla formazione all’evolversi delle nuove tecnologie per l’elaborazione e la trasmissione di contenuti.
Ai partecipanti saranno fornite conoscenze per progettare e realizzare l’uso della lavagna in ambito educativo, competenze comunicative e relative all’uso di software e allo sviluppo di contenuti. Oltre a lezioni in aula, seminari e studi di caso, l’offerta formativa prevede anche una consistente attività a distanza, grazie a una piattaforma online che renderà disponibile le registrazioni audio e video della didattica in presenza, il materiale per l’apprendimento e l’autovalutazione e una community dedicata a tutti gli allievi.
Il corso si svolgerà da febbraio a luglio 2009; ai partecipanti verranno riconosciuti 25 crediti formativi e l’attestato di partecipazione, valido per il conseguimento di punti per le graduatorie degli insegnanti. Sul sito del corso www.csl.unifi.it/lavagnadigitale è possibile consultare il bando e scaricare il modulo della domanda di iscrizione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sacconi: "Non scegliete la facoltà sotto casa"

Next Article

Bando Firb, rettore Camerino chiede numi alla Gelmini

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".