Festa della Repubblica

Il 2 giugno si celebra l’anniversario della Repubblica italiana:63 anni fa, gli italiani furono chiamati alle urne per decidere quale forma di governo dare all’Italia

Il 2 giugno si celebra l’anniversario della Repubblica italiana: in tale data, 63 anni fa, gli italiani furono chiamati alle urne per decidere, dopo la caduta del fascismo, quale forma di governo dare all’Italia, se monarchia o repubblica. Il referendum istituzionale, a suffragio universale, vide cadere la scelta sulla repubblica con 12.718.641 voti a favore e 10.718.502 contro.

Da allora il 2 giugno è festa nazionale: in Italia si tengono cerimonie ufficiali in tutte le città mentre, in tutto il mondo, le ambasciate italiane tengono dei festeggiamenti cui sono invitati i Capi di Stato del Paese ospitante e al Presidente della Repubblica giungono gli auguri degli altri capi di Stato.

La Regione Campania parteciperà alle manifestazioni in programma domani a Roma e a Napoli per la festa della Repubblica. Il presidente Stefano Caldoro sarà a Roma alla parata dei Fori Imperiali. A Napoli, su sua delega, la Regione sarà rappresentata dal vicepresidente Giuseppe De Mita.

La cerimonia, promossa dalla Prefettura di Napoli, avrà inizio alle ore 9,45 presso il Mausoleo di via Posillipo con la deposizione della corona di fiori in onore dei Caduti. Alle 11,30 ci sarà la cerimonia dell’alzabandiera in piazza del Plebiscito con la successiva lettura del messaggio del Presidente della Repubblica.

A Roma, il cerimoniale prevede la deposizione di una corona d’alloro al milite ignoto presso l’Altare della Patria e una parata militare, lungo i Fori Imperiali, alla presenza delle più alte cariche dello Stato. La parata di quest’anno ha come tema “La Repubblica e le Sue Forze Armate” e vuole rappresentare il profondo legame di dedizione e di spirito di sacrificio che, sin dal 2 giugno 1946, unisce le Forze Armate alle sorti del Paese e che, nel corso degli anni, è divenuto sempre più forte ed indissolubile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

“Mi scappa la pipì:arte per i bambini

Next Article

Nasce il Festival universitario del corto

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.