Faraone sull'Università Romena: "Nessuno diventerà medico. Chiuderemo quel titolificio"

“E’ l’Europa, bellezza”. Così ha parlato il patron dell’Università Romena di Enna, Crisafulli, rispondendo in modo platonico al disappunto del ministro Giannini e del MIUR intero. “Quell’Università gioca con la pelle degli studenti, nessuno diventerà medico”, avvisa Davide Faraone.
Il sottosegretario renziano all’istruzione, dalle pagine de La Stampa, lancia un monito forte a Crisafulli: “E’ il MIUR che stabilisce la validità di un titolo universitario. In questo caso l’Ateneo romeno sta giocando con la carta straccia”.
“Siamo già riusciti a portare buona parte dei corsi dell’università romena al di fuori delle strutture pubbliche – continua Faraone -. Andremo avanti col Governo e con l’Avvocatura dello Stato per fermare completamente quest’attività inutile, non qualificata e dannosa. E continueremo a batterci contro tutti i titolifici fasulli. Tra 6 anni gli studenti di Enna si ritroveranno un titolo di studio buono solo per essere appeso al muro della loro cameretta”.
Faraone interviene anche sulla questione del numero chiuso: “C’è sicuramente un vuoto legislativo. Abbiamo bisogno di maggiore armonizzazione”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 16 febbraio

Next Article

35.000 firme in 3 giorni: "ricercatori scatenati" contro il Governo

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"