Erasmus+ Universities for EU Projects: 140 stage retribuiti all'estero per studenti universitari italiani

Stage retribuito per tre mesi all’estero con il progetto Erasmus+ Universities for EU Projects. Pubblicato dall’Agenzia Nazionale Indire, il progetto prevede l’attivazione di 140 tirocini in aziende estere per giovani studenti universitari di corsi di laurea triennali, magistrali o post lauream.
Il percorso progettuale prevede la realizzazione presso aziende straniere di tirocini formativi volti a rafforzare le competenze professionali riconducibili al settore dell’euro-progettazione, intesa come quell’insieme di attività necessarie alla produzione, stesura e presentazione di una domanda di finanziamento indirizzata alla Commissione europea o ad altri enti che gestiscono o allocano fondi europei, in risposta ad uno specifico bando.
Gli stage inizieranno nel periodo compreso tra l’1 febbraio 2016 e il 30 settembre 2016, per un massimo di 2 – 3 mesi. La retribuzione varia tra i 430 e i 480 euro mensili, a seconda del paese di destinazione.
Possono partecipare al bando gli studenti che non hanno superato il totale massimo di 12 mensilità Erasmus spendibili in attività di tirocinio a disposizione di ogni studente per ogni singolo ciclo di studio; non usufruiscono contemporaneamente di altre borse erogate dall’Unione europea; possiedono almeno un livello B1 di conoscenza della lingua del paese ospitante (per Regno Unito, Irlanda, Spagna, Germania, Francia). Per destinazioni differenti da quelle appena indicate è sufficiente possedere almeno un livello B1 di conoscenza della lingua inglese.
L’opportunità è aperta ai soli studenti delle seguenti università:
– Università’ degli studi di Trieste (12 beneficiari di borsa)
– Università’ Ca’ Foscari Venezia (25 beneficiari di borsa)
– Università’ degli studi di Padova (24 beneficiari di borsa)
– Università’ degli studi di Parma (30 beneficiari di borsa)
– Università degli studi di Macerata (10 beneficiari di borsa)
– Università’ degli studi di Roma La Sapienza (10 beneficiari di borsa)
– Università’ degli studi di Cagliari (14 beneficiari di borsa)
– Università’ degli studi di Palermo (15 beneficiari di borsa)
Queste, invece, le destinazioni possibili per effettuare lo stage: Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, traineeship Liechtenstein, Norvegia, Svezia, Regno Unito, Bulgaria, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna, Turchia Malta, Polonia, Romania, Slovacchia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia.
La scadenza è fissata al 30 dicembre 2015. Maggiori informazioni sono disponibili sul bando del progetto Erasmus+ Universities for EU Projects

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 03 dicembre

Next Article

Servizio Civile Nazionale: bando straordinario da 644 posti per il Giubileo

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.