Emergenza Covid, Toscana: 800mila euro per un progetto di ricerca nelle scuole

Emergenza Covid, Toscana: 800mila euro per un progetto di ricerca nelle scuole su sorveglianza, controllo e contenimento del virus.
SSUCv3H4sIAAAAAAAACnRTTYvcMAy9F/ofQs5j8Fc+vNfSY6FQeio92LI8Y9YTD4mzZVn2v1dJJrM5tLfoSXp6elbePn+qqtrZKUL9VL0tEcUxpXkqoy0xDwTz0x0fcfA4HhH0seQx2nQEnS1wGewVCRzmlBb4fU3WU7FlnnBaht0hsAXPxLGBD4pN0a8trvbEmqQOStXfMd8S1qdDZprdkvkWJ8CU7IB5nuo9v837D9lXP8O27z/4fsAl53SqvuSU8Iyn6ucQX3CcYnmtsMDHhO3j926EPeMAr+uuBw9GTGg3D+7r1T0P3DeiY9hLxbTEwIz3knnjlMfg0TawC6ulwjYoTsWNcUxrS8W2V0ygEYZjxzl8FAdKcS2Qaa81033XEHOHzArlQbreYNc+ihujePDBsUZDw3SLLTNtC0w5Ig2dE47rRzEar5pWGdYLRzI49KzXgTMSIbTuuiZw96FZyo6aOXPWcloQgPVOSRa89IDUZj1/FFvsvQJumOIOiFk4RkI5s1ZQqQmqDe3q+WZ0/fyn4Hg93pSdfcyHc3rJYNNSoA7vcBsjxOF8aMvlsp733gZ5Hsq4PGD9EJdyvllHd/dUBeLEHb/YaaJyv+OHQUA/U74e5gy5rM9/Z609/QJLKJQkS3uyjxs6BLm7ff9tLpF4Vjk7EcXwHP1x9bgooKvu6HSAs6ZR9JJgNOvBIhOSe9EC3ZUJZOH7XwAAAP//AwAWjKYKAAQAAA==

Emergenza Covid, Toscana: 800mila euro per un progetto di ricerca nelle scuole. Durerà due anni e sarà centrato su sorveglianza, controllo e contenimento della circolazione del virus.

Grazie a un finanziamento statale di 800mila euro, assegnato dal Ministero della Salute alla Regione Toscana, sarà avviato un nuovo progetto di ricerca, di durata biennale, centrato sulla sorveglianza, il controllo e il contenimento della circolazione del virus in ambito scolastico.

La Regione Toscana è capofila a livello nazionale, con l’Agenzia regionale di sanità come soggetto esecutivo. Ad Ars vanno infatti gli 800mila euro assegnati, a copertura totale dei costi progettuali, come stabilisce un recente atto di Giunta, deliberato su proposta dell’assessore alla sanità Simone Bezzini. «Il finanziamento consentirà di avviare un progetto di ricerca, finalizzato a potenziare ancora di più la prevenzione in ambito scolastico, nella lotta contro il Covid – commenta Bezzini -. Stiamo intervenendo a 360 gradi su ogni possibile fronte aperto o potenzialmente fragile, anche tramite indagini osservazionali sul campo.

Un’allerta precoce ci aiuta a rafforzare il contrasto al contagio e a prevenire o a identificare in tempo eventuali focolai. Raccoglieremo dati e informazioni per rendere sempre più efficaci i nostri interventi.

Conoscere è sempre il primo passo da compiere per prevenire». “Il finanziamento del Ministero – precisa la Regione – ha la sua ragione di essere: la Toscana ha assunto, infatti, il ruolo di ente capofila nell’ambito progettuale della linea 3 del programma CCM 2020 (Centro Controllo Malattie) dello stesso Ministero della Salute.

Oltre alla Toscana, fanno parte del progetto unità operative di altre quattro Regioni (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche e Puglia) e l’Istituto Superiore di Sanità. Il compito di Ars, per conto di Regione Toscana, è quello di gestire e coordinare le attività di tutti i soggetti coinvolti, nel settore della sanità pubblica, con l’obiettivo di dotarsi di strumenti epidemiologici innovativi, finalizzati a potenziare la sorveglianza, il controllo e il contenimento della circolazione del Covid-19.

Questo progetto di ricerca, denominato “Sistemi innovativi per l’identificazione precoce di focolai Covid-19 in ambito scolastico in Italia”, ha la durata di due anni”.

Leggi anche:

https://corriereuniv.it/2016/05/miur-protocollo-di-intesa-da-470-mila-euro-per-promuovere-progetti-di-volontariato-nelle-scuole/
https://corriereuniv.it/2016/02/accordo-federazione-nazionale-stampa-miur-per-progetti-di-cultura-dellinformazione-nelle-scuole/

Educazione stradale nelle scuole: presentati i nuovi progetti Miur – Mit

FastUp School: fino a 10 mila euro per progetti digitali alle scuole che sfruttano il crowdfunding

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

100 studentesse per il futuro del sud Italia: YEP – Young Women Empowerment Program

Next Article

Corsi gratuiti per giovani NEET, Lazio e Campania

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.