Eco-Bicocca, più parchi meno parcheggi

parco1.JPGNei centri urbani gli spazi dedicati alle piante e ai parchi tendono a essere sempre più limitati e spesso a prevalere nelle grandi città è, invece che il verde dell’ambiente, il colore blu delle strisce per il parcheggio. Per far tornare gli spazi verdi in città e per sostenere una mobilità sostenibile all’interno dei centri urbani si è istituita la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile che si svolgerà quest’anno dal 16 al 22 settembre per la settima edizione.
L’Università Bicocca di Milano ha approfittato della Settimana Europea, che quest’anno ha come tema “Clean air for all”, per dare il via a numerose iniziative che possano trasformare i “parchi” auto in parchi verdi e che sensibilizzino gli studenti verso una mobilità a ridotto impatto ambientale.
Il 19 settembre l’ateneo milanese organizzerà il Park(ing) Day nel quale studenti, docenti, ricercatori e dipendenti dell’università saranno impegnati a trasformare due o tre posti auto (circa 30 mq) in parchi temporanei con tanto di sedie a sdraio e piante prestate dal Consorzio Parco Nord. L’obiettivo dell’”installazione” sarà appunto quello di stimolare la riflessione su quanto spazio verde sia sottratto dalle auto alle nostre città.
Si prosegue il 22 settembre, quando, a partire dalle 8.30 in Piazza dell’Ateneo Nuovo, si terrà “All’Università in Bici!”, mattinata dedicata agli studenti e ai dipendenti che ogni giorno vengono in Università inforcando una bicicletta. Caffè, dolcetti ed eco-omaggi saranno offerti a tutti i ciclisti presenti. La giornata dedicata alle biciclette prevede anche l’allestimento di una mostra fotografica con le immagini dei ciclisti ritratti lo scorso 23 aprile in occasione del Bicocca Green Day.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test Odontoiatria, annullata una domanda

Next Article

15 stage da Euronics

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.