Ecco perché il creativo viene penalizzato ai colloqui

creativo

Tra due candidati, le aziende scelgono sempre chi ha un approccio più razionale e penalizzano chi ne ha uno più creativo.
Secondo la ricerca di alcuni studiosi americani, ai creativi non vengono destinati luoghi di leadership.
Alcuni meccanismi dell’inconscio, infatti, portano i dirigenti a pensare che non siano adatti al ruolo.

Il candidato carismatico è associato alla figura dell’artista e del musicista, mentre quello razionale alle regole ed all’ordine. 
Eppure, la società contemporanea avrebbe dovuto capire che grandi leader come Steve Jobs e Bill Gates hanno dimostrato l’esatto contrario.
Ninjamarketing vi spiega come far cambiare idea a chi dovrà selezionarvi.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, crescono le cattedre in Toscana

Next Article

30 studenti fermati dalla polizia per aver marinato la scuola

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.