Ecco il Fertility 2.0 Award: in palio 2.000 euro

vaccini-incentivi-ai-medici-laviadiuscita.net_

Roma, 26 maggio 2014 – Al via la prima edizione del Fertility 2.0 Award, un premio dal carattere fortemente innovativo promosso da Merck Serono S.p.A. Il Fertility 2.0 Award intende riconoscere l’importanza di una corretta diffusione su Internet delle conoscenze sulla fertilità e sulla prevenzione dell’infertilità e, al contempo, premiare coloro i quali danno un contributo importante alla divulgazione di questi temi, attraverso la condivisione sul Web delle proprie esperienze.

“Nella lotta all’infertilità – sottolinea Antonio Messina, Presidente ed Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A  – è importante che le coppie sviluppino un approccio consapevole alla preservazione del loro potenziale riproduttivo e si pongano in maniera responsabile di fronte alla scelta del momento in cui cercare una gravidanza. In questo senso – conclude Messina – il ruolo dell’informazione è fondamentale e il contributo del web diventa sempre più importante”.

Il Fertility 2.0 Award si rivolge a due categorie: “Informazione giornalistica online”, diretta ai giornalisti, professionisti o pubblicisti, con articoli pubblicati su testate giornalistiche online registrate, e “Testimonianze e condivisione”, che si rivolge a tutti coloro che, pur non essendo professionisti dell’informazione, forniscono spunti di discussione e contributi di valore sul tema della fertilità, attraverso social network, blog, forum e siti internet. A entrambe le categorie la Giuria del Fertility 2.0 Award assegnerà tre premi del valore di 2.000 euro ciascuno. Fra i giornalisti verranno premiati gli autori degli elaborati ritenuti più meritevoli che avranno affrontato il tema della fertilità e, in particolare, i seguenti argomenti:

·        I corretti stili di vita per la fertilità

·        Cause note e meno note dell’infertilità

·        Il fattore “età della donna”

·        Infertilità femminile e maschile

·        L’importanza di una diagnosi tempestiva e di una corretta informazione

·        La Procreazione Medicalmente Assistita

Per la categoria “Testimonianze e condivisione” saranno invece premiati: il miglior contributo pubblicato su un sito web o blog; il miglior post su un forum o sul social network Facebook; il miglior video (Youtube e Vimeo).

Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione è possibile visitare il sito www.fertility20award.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'amarezza di Stefania Giannini: "Un'innegabile sconfitta. I nostri voti finiti al PD"

Next Article

AFAM, il rilancio in 8 punti: "Riportiamo l'arte al centro dell'attenzione"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.