“È stato un parto”: le foto della tesi di laurea diventano virali sui social

Nulla è paragonabile a partorire, o meglio, quasi nulla: la tesi di laurea per alcuni può diventare un travaglio lungo anni. Questo è quanto accaduto a Sarah Whelan Curtis, una dottoranda presso l’Emory University (Atlanta, Stati Uniti) che ha postato sul suo profilo Twitter le foto post-parto della sua “neonata” tesi di laurea.
Sarah ha speso quattro anni di duro lavoro per ultimare la sua dissertazione sull’epigenetica: un vero e proprio travaglio che, una volta concluso, la ragazza ha pensato bene di festeggiare in un modo davvero particolare.
Quale modo migliore per omaggiare questa “nascita” di un book di foto “post-parto” con tanto di copertina che avvolge il lavoro appena stampato? La laureanda ha così pubblicato sul suo profilo Twitter una foto in cui tiene la tesi fra le braccia, guardandola con amore: maternità sui generis.

Nemmeno a dirlo in pochi giorni le foto sono diventate virali catturando l’attenzione di oltre 330.000 utenti. Puntuali, sono poi arrivate le imitazioni: molte utenti hanno infatti postato foto simili, sfoggiando i loro “parti” universitari.
Molte persone invece hanno semplicemente trovato le foto decisamente divertenti, offrendo i loro consigli su come diventare genitori. “È veramente carina”, “Goditi questi momenti perché poi ci saranno citazioni dappertutto”, ha scherzato qualcuno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sicilia, voto di laurea basso: esclusa al concorso per navigator, il giudice la riammette

Next Article

Stati Generali della Ricerca e dell’Innovazione, una rivoluzione digitale

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".