Duemila tirocini. La Regione precisa

Duemila borse di studio per giovani disoccupati. La Regione Campania informa che si tratta di una iniziativa rivolta a progetti già presentati dalle aziende e a giovani già selezionati.

Duemila borse di studio per giovani disoccupati.
La Regione Campania informa che si tratta di una iniziativa rivolta a progetti già presentati dalle aziende e a giovani già selezionati.
Ecco l’avviso pubblicato oggi:
12/11/2010 – “A seguito di numerose richieste di informazioni pervenute agli uffici regionali, si precisa che l’avviso pubblicato in data 29/10/10 è relativo a progetti già presentati nei mesi scorsi da parte di aziende campane e approvati dall’Amministrazione regionale nell’ambito del Programma integrato per favorire l’inserimento occupazionale in Campania, la cui attuazione risultava bloccata per effetto dei vincoli finanziari conseguenti allo sforamento del Patto di stabilità. Si precisa inoltre che l’individuazione dei giovani da coinvolgere nelle attività in questione è stata curata e conclusa – in sede di presentazione dei progetti – direttamente dalle aziende interessate”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti e diritto allo studio

Next Article

Dopo la protesta i primi risultati

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".