Donne e scienza

Giovedì 10 marzo Città della Scienza sarà la location di “Mediterraneo, Terre di Acqua e Fuoco: Racconti di Donne e Scienza”

Giovedì 10 marzo Città della Scienza sarà la location di “Mediterraneo, Terre di Acqua e Fuoco: Racconti di Donne e Scienza”, il V convegno annuale del Coordinamento Napoletano “Le Donne nella Scienza”.

Alle ore 15.00 presso la Sala Saffo saranno proprio tre studiose partenopee a discutere il sistema-modello Campi Flegrei esplicitando il rapporto fra la comunità scientifica locale ed il territorio, inteso come condizione storica e sociale ma anche geografica e biologica. Le tre donne relatrici saranno: Rossana Valenti del dipartimento federiciano di Filologia classica “Francesco Arnaldi” che discuterà la relazione “I Campi Flegrei tra mito e memoria”; Concettina Nunziata dal dipartimento di Scienze della Terra dello stesso ateneo in “Struttura geologica dei Campi Flegrei” ed infine Agata Gambacorta dell’Istituto di Chimica Biomolecolare CNR di Napoli con la relazione “Dalle origini della vita alle applicazioni biotecnologiche”.

Il convegno, che si colloca nell’ambito del Gender Day promosso da Fondazione Idis – Città della Scienza, è nato nel 2007 allo scopo di realizzare pari opportunità nella comunità scientifica infatti rientra nel progetto europeo TWIST (Towards Women In Science and Technology) che si occupa proprio di donne nel mondo scientifico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'accordo Gelmini Caldoro crea preoccupazioni

Next Article

Giovani a rischio? Cunto e a capo.

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".