Donare e condividere

“A piene mani. Dono, (dis)interesse e beni comuni” è il titolo del primo incontro pubblico ispirato da Alberto Lucarelli e Ugo Olivieri sul tema della sensibilizzazione alla condivisione.

A piene mani. Dono, (dis)interesse e beni comuni” è il titolo del primo incontro pubblico ispirato da Alberto Lucarelli e Ugo Olivieri sul tema della sensibilizzazione alla condivisione che si terrà questa mattina alle ore 10.00 nell’aula A4 della facoltà di lettere federiciana.
Promossa dal polo delle scienze umane, dalla facoltà di lettere e filosofia, dal dipartimento di filologia moderna, dalla cattedra di letteratura italiana, dal dipartimento di diritto dell’economia, dal dipartimento di diritto pubblico d’ateneo, l’iniziativa è inoltre organizzata in collaborazione con l’I.I.E.R.B.C., Institut International des Etudes et Recherches sur les Biens Communs. Paris- Naples.
L’evento, darà luogo ad un progetto “a scadenza” ovvero, ad una serie di incontri che hanno lo scopo di presentare di volta in volta i risultati della ricerca in ambiti come quello del patrimonio comune e del senso del donare. Ulteriore compito del progetto è costituire un gruppo permanente di lavoro atto a coinvolgere studenti e privati cittadini nelle diverse giornate di studio.
Interverranno durante la mattinata: Roberto Esposito dell’Istituto Italiano di Scienze Umane, Carlo Ossola del Collège de France, Alex Zanotelli Padre Comboniano e il Presidente del polo delle scienze umane Mario Rusciano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"I nostri laureati pronti alla concorrenza"

Next Article

Salute, le abitudini degli studenti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".