Diplomati meritevoli una polizza li premia

assi-1.jpgAssicurare il proprio “genio” attraverso una polizza che premia il merito. Nasce la prima assicurazione meritocratica per chi è pronto a scommettere sul futuro e le potenzialità dei propri figli. Promotrice dell’iniziativa è Arfin, una piccola compagnia specializzata nei rami cauzioni e credito.

Questa volta viene meno il legame infortunio – beneficio e l’assicuratore di una polizza paga quando si verifica un accadimento lieto, come la conclusione degli studi con il massimo dei voti. Maturarsi con un bel 100 e lode significa che la polizza coprirà le successive tasse universitarie, in qualsiasi ateneo del mondo, fino ad un massimo di 120 mila euro.

Una bella somma specialmente per chi non ha nessuna sicurezza economica per il proprio futuro. Così cita anche una delle note informative della polizza: “azzerare per quanto possibile i privilegi della nascita, dando la possibilità ai ragazzi di auto realizzarsi sulla base del loro impegno e del loro merito”.

Ma attenzione, bisogna iniziare a scommettere sui propri figli fin da piccoli. La sottoscrizione del contratto è consentita soltanto fino al nono anno di età. Bisogna quindi saper poter stimare la futura performance dello studente fin dalla sua tenera età. Oppure bisogna abbandonarsi al caso e sperare che anche i più pigri concludano il proprio ciclo di studi brillantemente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riforma Gelmini, presentazione post-Europee

Next Article

Il lavoro paga, ancora troppo poco

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.