De Magistris: Scampia non verrà dimenticata

“Scampia non è stata e non sarà dimenticata: vorremmo infatti lanciare una sorta di ‘patto’ per Scampia che passi anche per alcuni appuntamenti con i cittadini, da organizzare con l’intento di favorire la riappropriazione degli spazi da parte della popolazione e della legalità“.

Scampia non è stata e non sarà dimenticata: vorremmo infatti lanciare una sorta di ‘patto’ per Scampia che passi anche per alcuni appuntamenti con i cittadini, da organizzare con l’intento di favorire la riappropriazione degli spazi da parte della popolazione e della legalità“. Lo afferma, sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

”Scampia – aggiunge De Magistris – e’ molto altro rispetto a ciò’ che emerge, anche in questi giorni, dalle cronache dei giornali, come dimostra l’attività’ che associazioni, movimenti e cittadini portano avanti con coraggio e fra mille difficoltà’, anche economiche. Domani tutti gli assessori si riuniranno per discutere di ‘cosa fare’ per Scampia. Non tra qualche mese o qualche anno, ma nell’immediato, cioè’ fin dalle prossime settimane. Pensiamo ad interventi mirati e sostenibili per le nostre magre finanze ma che, riuniti insieme, possano contribuire ad incidere sulla qualità’ della vita del quartiere da subito”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano. Dirigenti a mezzo servizio

Next Article

Agricoltura, 32 assegni di ricerca

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.