Dall'Italia ad Harvard, la rivincita del ricercatore

La lettura magistrale d’inizio anno della Facoltà di Medicina di Tor Vergata quest’anno è di un cervello in fuga: Pier Paolo Pandolfi. Ricercatore romano, a 46 anni è direttore della ricerca contro il cancro all’università di Harvard e ora sta per iniziare una collaborazione con l’ateneo romano.
“Andrei in ogni posto dove si può davvero lavorare con la scienza, dove vince il migliore, dove si danno chance a chi vuole fare. Insieme a ricercatori di tutto il mondo”. “Anche se ci sono fior di eccellenze – spiega in un’intervista al Messaggero – sarà sempre difficile portare l’Italia a certi livelli se non si fa una legge quadro con paletti molto precisi per incentivare la ricerca, se non si danno finanziamenti ad hoc ai laboratori che meritano, se non si decide di adottare un sistema di detrazioni fiscali alle aziende che fanno donazioni, se continuerà a vincere la politica sulla scienza”.
Attualmente Pandolfi sta sperimentando un sistema per disattivare le cellule tumorali del quale parlerà durante la sua lettura magistrale d’inizio anno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Periti con diploma per Team Consulting

Next Article

Atenei malati, la cura è nel Ddl

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa