Dai contenitori dei bagagli a mano alla scala mobile, aeroporti ricettacoli di virus

Particolarmente contaminati i box ai controlli di sicurezza.
Gli aeroporti sono dei grandi ricettacoli di virus, e fra tutti i posti in cui possono annidarsi quelli più frequenti sono i contenitori di plastica che si usano per i bagagli a mano e gli oggetti personali ai controlli di sicurezza, contaminati nel 50% dei casi. Lo afferma uno studio dell’università di Helsinki pubblicato dalla rivista BioMed Central Infectious Diseases. I ricercatori hanno prelevato campioni su diverse superfici dell’aeroporto di Helsinki-Vantaa in tre diversi momenti durante il picco dell’influenza nella stagione 2015-2016, testandoli poi per una serie di virus respiratori. In totale, scrivono, il 10% dei campioni è risultato positivo per qualche virus. “Tra le superfici contaminate ci sono un gioco nel playground dei bambini, i contenitori nell’area dei controlli di sicurezza, i bottoni del Pos nella farmacia, il corrimano di una scala mobile e il desk del controllo passaporti”. L’oggetto con più campioni positivi (due su tre) è risultato il giocattolo, seguito dai contenitori, che sono caratterizzati da un alto tasso di utilizzo e hanno una superficie molto grande, che avevano qualche virus nel 50% dei casi. Diversi gli agenti patogeni trovati, dai rinovirus, che causano il raffreddore, a quello dell’influenza. Dove invece non c’era traccia di virus, sottolinea lo studio, era nei bagni, un posto dove le persone fanno particolare attenzione a non avere contatti e all’igiene delle mani.(ANSA).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alla Liuc vince la cooperazione. Fondi per la ricerca dall'Unione europea: lavoreranno giovani ricercatori

Next Article

L’eccellenza della ricerca pedagogica si ritrova a Bolzano. Il convegno ECER fa tappa alla libera Università

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".