Chianti, ad una ricercatrice un premio per descrivere le emozioni che derivano dal vino

Il Chianti? Non e’ soltanto la denominazione di un vino o un luogo da favola dove trascorrere le vacanze, ma e’ un’idea – qualcuno potrebbe arrivare a definirla un ‘mito’ – che vive nell’immaginario di numerosi turisti.

La maggiore definizione, assegnandole contorni ‘materiali’ di questa idea mentale, utile per definire nuove strategie di marketing territoriale partendo dalle emozioni e dai racconti dei turisti, ha permesso a Chiara Certoma‘, borsista post-dottorato dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Posa, settore di Filosofia Politica e Diritto Agro-Ambientale, di ricevere il premio ‘International Research Grant 2013‘ assegnato dalla Great Wine Capitals Global Network, rete mondiale delle capitali del vino che riunisce le piu’ importanti regioni vitivinicole del mondo, per una ricerca intitolata ‘Wine Experiences. Social mapping wine tourism’.

Il progetto e’ finalizzato alla realizzazione di una mappattura sociale della regione vitivinicola fiorentina, attraverso una piattaforma informatica che permettera’ di raccogliere esperienze, memorie ed emozioni dei turisti nell’incontro con il Chianti. Le diverse mappe tematiche che si formeranno servira’ ad analizzare le strutture materiali e immaginarie che contribuiscono a costruire l’identita’ del Chianti, fornendo spunti per l’elaborazione di strategie di marketing innovative.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ad una delle società protette, fondi del Miur per 5 milioni di euro

Next Article

Sapienza, venerdì inaugurazione dell'anno accademico

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"