Cagliari, ballottaggio per il nuovo rettore

La corsa si è ridotta a due sfidanti. Dei cinque candidati alla poltrona di rettore dell’Università degli studi di Cagliari per il prossimo quadriennio 2009-2013 sono rimasti Gavino Faa e Giovanni Melis che si contenderanno la nomina a Magnifico nel ballottaggio dell’11 giugno.

I primi due candidati, Raffaele Paci ed Antonio Sassu, si sono ritirati il 21 maggio, quando al primo turno hanno ottenuto meno voti di tutti. Poi al secondo turno, il 4 giugno Maria Del Zompo ha lasciato via libera ai due che si sono posizionati ai primi posti, senza però ottenere la maggioranza necessaria per evitare il ballottaggio. Gavino Faa si è classificato al primo posto con 452 voti (34.32%) seguito da Giovanni Melis con 436 voti (33.11%).

Il Rettore viene eletto a maggioranza assoluta dei votanti (606 su 1.510 elettori) mentre per la validità della tornata elettorale è previsto un quorum di 505 votanti. Nel caso non si raggiunga la maggioranza utile all’elezione si procede con il ballottaggio (come in questo caso) tra i due candidati che nell’ultima votazione hanno riportato il maggior numero di voti.

Il nuovo rettore succederà a Pasquale Mistretta in carica dal 1991.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riparte Facoltiadi, così Trento scende in campo

Next Article

Roma Provincia e "Il preludio ad un bacio"

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".