Boom di casi positivi tra gli studenti: sindaco chiude un’intera scuola in provincia di Foggia

L’intervento è stato deciso dal primo cittadino dopo la scoperta di 26 casi di positività al Coronavirus all’interno dell’istituto. Aule vuole fino a domani. Intanto il ministero dell’Istruzione lavora a regole uniche in tutta Italia per la gestione delle quarantene.

Proprio mentre il ministro Bianchi ha annunciato l’arrivo di novità sul fronte della gestione delle quarantene con interventi che non saranno unici per tutte le scuole d’Italia, un’intera scuola viene chiusa a causa dell’aumento vertiginoso dei casi da Covid 19.

Si tratta dell’istituto comprensivo “D’Alessandro-Vocino” a San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia, dove il sindaco, Matteo Vocale, eletto nell’ultima tornata elettorale, ha deciso di chiudere l’istituto e rimandare tutti gli studenti a casi dopo che sono stati accertati nei giorni scorsi ben 26 casi di positività al Coronavirus.

Il primo cittadino su Facebook ha spiegato che il provvedimento di chiusura riguarderà le giornate di oggi e domani ma non è detto che la scuola possa riaprire del tutto lunedì 11 ottobre. “Fino a ieri i casi di contagio accertati erano 26 ma oggi continueremo a monitorare la situazione – ha spiegato il sindaco – Si tratta di una misura necessaria e cautelativa, concordata con la dirigente, per permetterci di capire lo stato di avanzamento di un focolaio al momento comunque sotto controllo. Vedrà a dirigente scolastica, le autorità sanitarie locali e la Protezione civile, per pianificare e definire le misure più idonee a garantire innanzitutto la salute pubblica e la circoscrizione e il controllo dei casi di infezione, unitamente al diritto ad un’istruzione idonea. Ai miei concittadini chiedo pazienza, soprattutto ai genitori e massima attenzione a tutti nell’usare le misure utili a contenere i contatti personali”.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, occuparono aula del campus Einaudi: 15 studenti finiscono nei guai

Next Article

Discipline Stem: in Italia continuano ad essere poche le lauree al femminile ma facciamo meglio di Francia, Germania e Spagna

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident