Bari, l’Università va in Carcere: studenti e docenti a lezione tra i detenuti

L’Università si “sposta” all’interno del carcere di Bari. Prende il via oggi il primo ciclo di seminari penitenziari, destinati a studenti del dipartimento For.Psi.Com e ai detenuti. Una sperimentazione che vede studenti e detenuti insieme, per confrontarsi, discutere, studiare, consultare testi.
L’iniziativa, che si inquadra in un programma di ampia collaborazione tra Università di Bari e Istituzioni Penitenziarie, ed a cui sono sollecitati a partecipare anche altri docenti ed altre strutture penitenziarie oltre quella della città di Bari, vede inizialmente la partecipazione di circa 70 studenti, che avranno la concreta possibilità di conoscere da dentro una realtà complessa come quella di un istituto penitenziario: un modo per sfrondare le proprie idee da pregiudizi e luoghi comuni, stando fianco a fianco con persone che hanno avuto un’esperienza di vita completamente diversa.
I docenti dovranno mantenere un sottile equilibrio tra un corso che sia soddisfacente dal punto di vista universitario, ma anche di stimolo per chi vive dentro al carcere.
L’obiettivo finale, oltre l’iter usuale della lezione universitaria con tutti i crismi, è portare qualcosa di prezioso dentro alle mura del carcere, riflettendo, insieme, studenti, docenti e detenuti, su aspetti e questioni aperte ed importanti:
Lo studio, la cultura, la ricerca danno un senso della pena? Lo studio in carcere deve essere uno spazio, per quanto limitato, di libertà e offre strumenti che cambiano la percezione che la persona ha di sé e del mondo. Si tratta, e non solo per i detenuti, di riflettere e riscattarsi da un passato per diventare persone migliori e sapere che ciò è possibile. Un progetto per prendere coscienza di come sia facile far prevalere la parte più buia di sé, ma allo stesso tempo prendere coscienza sulle questioni della legalità, educando alla cittadinanza, alla responsabilità, alla legalità, alla tolleranza. La speranza è che così si riesca a raccontare e ascoltare con mitezza, anche per dire “il mai detto” e ascoltare “il mai sentito”.
Il primo ciclo di seminari è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra la Direzione del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Prof. Giuseppe Elia, il Provveditorato della Amministrazione Penitenziaria Regioni Puglia e Basilicata, dott. Giuseppe Martone e la Direzione della Casa Circondariale di Bari, dott.ssa Valeria Pirè.
Il programma è così articolato:
20 Gennaio 2020. Prof. Luigi Cazzato, dott.ssa Marilù Mastrogiovanni
“Cultura, giornalismo e discriminazione: noi e gli altri”.
21 Gennaio 2020. Prof.ssa Rosita Maglie “Letture, visioni e testimonianze dentro e fuori il Carcere”
27 Gennaio 2020. Prof. Armando Saponaro. “ Elementi di Vittimologia e Giustizia Riparativa”
4 Febbraio 2020. Prof. Ignazio Grattagliano “ La Vendetta, aspetti criminologici e psicologici-psichiatrico forensi”.
gazzettamezzogiorno

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Acer nelle scuole: l’ecosistema di ‘Innovative School’

Next Article

Chemioterapia, studio dell’università di Siena rivela: ” Con la realtà virtuale meno stress per i pazienti”

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.