Bari dice “no” ad Aldo Moro

moro.jpgLa proposta era quella di intitolare l’ateneo allo statista Dc ucciso trenta anni fa dalle Brigate Rosse. Ma la facoltà di Giurisprudenza dell’ateneo di Bari, dove Aldo Moro ha studiato e insegnato per anni, ha espresso parere contrario.

Il rettore Corrado Petrocelli aveva pensato che il trentesimo anniversario della morte del più illustre docente dell’ateneo potesse essere l’occasione per intitolare a lui l’università. Il voto del consiglio di facoltà di Giurisprudenza, invece, ha lasciato tutti di stucco. Anche perché, ad oggi, l’ateneo barese porta ancora l’intestazione “Università Benito Mussolini”. Fu il duce infatti ad inaugurarla nel 1925 e da allora, sebbene con il tempo il riferimento a lui sia scomparso da timbri e targhe, il suo nome non è più stato cambiato.

Prima di consultare il Ministero per il cambio dell’intestazione, immaginata come “Università del Levante Aldo Moro”, il rettore ha preferito interpellare i suoi. E la sorpresa è arrivata proprio da Giurisprudenza. Anzi, dopo il consiglio di facoltà, ci hanno pensato i rappresentanti di Azione Universitaria a metterci il peso da novanta: in un comunicato esprimevano la loro contrarietà ad intitolare l’ateneo ad un “uomo politico di parte”.

Ma l’ultima parola spetterà al Senato accademico, che, se dopo l’ok di tutte le altre facoltà, accoglierà la proposta, potrà inviarla direttamente a Roma e aspettare il parere del futuro ministro dell’Università. E per ora l’ateneo resta intitolato a Mussolini.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Mistery shopper per controlli nei negozi

Next Article

Il prozac stimola la plasticità del cervello

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".