Bando straordinario di Servizio Civile: 50 volontari per l'Unione Europea

Opportunità di formazione all’estero per 50 giovani italiani con il progetto di Servizio civile nazionale per l’attuazione del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All (IVO4ALL). Previsti 6 mesi da trascorrere in parte all’estero, corso di lingua straniera, vitto e alloggio gratuiti, 433 euro di rimborso mensile più 15 euro giornalieri per ogni giorno passato fuori dall’Italia.
I giovani volontari prenderanno servizio a partire dall’11 Aprile 2016; inizialmente saranno impegnati in un periodo di formazione prepartenza che comprendela fase di formazione generale, un corso di lingua straniera (Inglese, Francese, Spagnolo, Portoghese a seconda del Paese dove si realizza il progetto) della durata di tre settimane che si svolgerà a Roma e la fase di formazione specifica inerente le attività previste nel progetto, da effettuare presso l’ente titolare del progetto prescelto. Terminato il periodo di servizio civile all’estero è previsto il debriefing dell’esperienza svolta che si svolgerà nell’arco di 15 giorni in Italia.
Sono ammessi al progetto i candidati in possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza dell’Unione europea; cittadinanza non comunitaria regolarmente soggiornanti; che abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età; che non abbiano riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo oppure ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata. Non possono presentare domanda i giovani che: prestano o abbiano prestato servizio civile nazionale in qualità di volontari ai sensi della legge n. 64 del 2001 o in attuazione del programma europeo Garanzia Giovani oppure che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista; abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo oppure che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 9 marzo 2016. Maggiori informazioni, i Paesi di destinazione, le modalità per presentare domanda sono disponibili sul bando ufficiale del programma  International Volunteering Opportunities for All (IVO4ALL).
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, Panizza (Roma Tre): "Da decreto Giannini merito e iniezione giovani"

Next Article

Renzi all'Università di Buenos Aires legge Borges, ma non è una sua poesia

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.